13 Maggio، 2021

جورنالك

الخبر كما هو ، منكم و اليكم

Vai a leggere questa storia di smartphone come strumenti per documentare la brutalità della polizia

This post is also available in: Deutsch

Nel 2020, quasi tutti in America hanno la possibilità di registrare e condividere istantaneamente video ad alta definizione con la semplice pressione di un pulsante. Le fotocamere per smartphone consentono alle persone di condividere video di cose come vacanze ed eventi familiari. Ma con una regolarità crescente, stanno anche permettendo agli individui di documentare casi di orribile brutalità della polizia e condividerli con un pubblico che non avrebbe altrimenti sentito parlare di loro o non ci avrebbero creduto se lo avessero fatto.

Il fenomeno è oggetto di un nuovo pezzo in Il giornale di Wall Street. È uno sguardo affascinante su come la nostra capacità di registrare casi di brutalità della polizia si sia evoluta negli ultimi 30 anni e merita una lettura.

Nell'ultimo decennio, mentre le aziende tecnologiche si sono concentrate sul marketing di megapixel e obiettivi multipli per registrare meglio pasticcini e cuccioli, le fotocamere per smartphone hanno trovato uno scopo maggiore.

“Questo è il nostro unico strumento che abbiamo in questo momento. È il modo più efficace per farci giustizia ”, mi ha detto Feidin Santana. Santana ha usato il suo smartphone nel 2015 per filmare un agente di polizia che uccide Walter Scott nella Carolina del Sud.

Nel 1991, George Holliday ha dovuto utilizzare un'apparecchiatura dedicata, una Sony Handycam, per filmare agenti di polizia che picchiavano Rodney King a Los Angeles. Ma nel 2014, Ramsey Orta ha filmato agenti di polizia che lottavano a terra con Eric Garner usando solo un telefono Samsung Galaxy.

Il signor Orta ha filmato la polizia lottando contro il signor Garner sul marciapiede e mettendolo in una strozzatura. Nel video, ha detto che non riusciva a respirare 11 volte prima di morire.

Il signor Orta ha inizialmente condiviso il video con il New York Daily News e si è diffuso rapidamente su Facebook, Twitter e YouTube. La frase "Non riesco a respirare" è diventata uno slogan del movimento Black Lives Matter. Sebbene la morte del signor Garner sia stata giudicata un omicidio, l'ufficiale coinvolto non è stato incriminato.

Sebbene le funzionalità video siano in circolazione da oltre un decennio, ci sono voluti un po 'di tempo prima che le telecamere del telefono fossero abbastanza buone da catturare completamente un incidente. Quando Karina Vargas ha visto un ufficiale di polizia sparare a Oscar Grant III nel 2009, ha deciso di filmare l'incidente con la sua fotocamera digitale Fujifilm Finepix anziché con il suo Motorola Razr. L'ufficiale fu condannato per omicidio colposo involontario un anno dopo.

Ma con questa capacità derivano rischi. Il giornale di Wall Street osserva che le riprese sono accompagnate dal timore di ritorsioni. Per Orta, ciò ha assunto la forma di molestie mirate e eventuale detenzione. Vargas afferma che un ufficiale ha cercato di impossessarsi della sua macchina fotografica dopo aver filmato le riprese di Oscar Grant III.

I rischi sono reali, ma il vantaggio di essere in grado di diffondere la consapevolezza di incidenti come questi è enorme, e il WSJ di il writeup arriva al cuore di come questo è cambiato nel corso degli anni. La sua caratteristica merita il tuo tempo.

This post is also available in: Deutsch