24 Giugno، 2021

جورنالك

الخبر كما هو ، منكم و اليكم

Apple affronta un altro reclamo antitrust dell'UE man mano che la pressione dell'App Store cresce

This post is also available in: Deutsch

Apple sta affrontando l'ennesimo reclamo antitrust europeo, dopo che la filiale Kobo di Rakuten si è lamentata con la Commissione europea per il taglio del 30 percento di Apple sugli ebook nell'App Store. Il Financial Times riferisce che Rakuten ha presentato il reclamo a marzo, sostenendo che è anticoncorrenziale per Apple prendere una commissione del 30% sugli e-book venduti tramite l'App Store promuovendo il proprio servizio Apple Books.

Il reclamo di Rakuten è molto simile al reclamo presentato da Spotify l'anno scorso in Europa. Spotify ha affermato che Apple utilizza il suo App Store per soffocare l'innovazione e limitare la scelta dei consumatori a favore del proprio servizio Apple Music. Il servizio di streaming musicale è anche preoccupato per la "tassa di Apple" imposta agli sviluppatori, una riduzione del 30 percento che viene presa per ogni abbonamento Spotify registrato tramite l'App Store durante il primo anno e poi il 15 percento ogni anno successivo. Il reclamo antitrust di Spotify è ancora sotto inchiesta.

Netflix e Spotify hanno combattuto a lungo contro questo taglio del 30 percento e Apple ha sostenuto che le entrate che guadagna contribuiscono ai costi di manutenzione dell'App Store e di applicazione del suo contenuto, della privacy e delle linee guida di sicurezza. Tuttavia, Apple ha fatto delle esenzioni. Il produttore di iPhone ha confermato l'esistenza di un programma speciale per i fornitori di streaming video ad aprile. Consente a piattaforme come Amazon Prime Video di eludere la tariffa standard dell'App Store del 30% di Apple quando si vendono singoli film e noleggi di programmi TV.

Apple ha anche dovuto affrontare affermazioni secondo cui l'App Store è un monopolio e un maggiore controllo da parte dei regolatori statunitensi dopo che il Dipartimento di giustizia e la Federal Trade Commission hanno iniziato a esaminare Big Tech per violazioni dell'antitrust. Apple ha anche multato 1,2 miliardi di dollari dalle autorità antitrust francesi a marzo per aver limitato illegalmente il modo in cui i grossisti vendono i prodotti Apple.

Rakuten è almeno la terza società a presentare un reclamo antitrust contro Apple in Europa. Tile, noto per i suoi dispositivi di localizzazione Bluetooth, ha inviato una lettera al commissario europeo alla concorrenza Margrethe Vestager il mese scorso, accusando Apple di comportamenti anticoncorrenziali. Tile sostiene che l'aggiornamento iOS 13.5 alle impostazioni Bluetooth di Apple ha svantaggiato i prodotti di tracciamento di terze parti a favore dell'app FindMy di Apple che non include le stesse restrizioni per impostazione predefinita. Si dice da tempo che Apple abbia lavorato su un tag di tracciamento simile a Tile per mesi, ma la società non lo ha ancora annunciato ufficialmente nonostante abbia inavvertitamente perso il marchio AirTag all'inizio di quest'anno.

La rivelazione di un terzo reclamo antitrust contro Apple in Europa arriva appena un giorno dopo che Apple ha propagandato le conclusioni di un nuovo studio che afferma che l'App Store era responsabile di $ 519 miliardi di fatture totali stimate e vendite di prodotti fisici e servizi e beni digitali in 2019. Lo studio non suddivide la quantità di entrate che Apple genera attraverso la sua "tassa Apple" del 30 percento, ma evidenzia i 61 miliardi di dollari in vendite e fatturazioni da soli beni e servizi digitali.

This post is also available in: Deutsch